Progetto studio ZO_NE

Posted on Posted in Progetti

La scelta di questo spazio piuttosto anomalo in via delle Zoccolette, 36 a Roma, rispetto a quanto un’esposizione di mobili ha come standard, si coniuga con l’idea che lo studio di Interior Design ZO_NE intende portare avanti attraverso il proprio lavoro. L’area espositiva è poco più della metà di quanto sarebbe necessario per poter mostrare una gamma minima di argomenti come cucine, zone giorno, zone notte, complementi di arredo, luci e tutto quanto concerne l’arredo.

Tuttavia, l’intento è quello di offrire un servizio mirato e personalizzato al cliente, che potrebbe sentirsi disorientato nelle scelte in un mercato quasi “bulimico” e senza più argini, che rischia di offuscare i valori di qualità e contenuti di molti prodotti del design.

Ecco, il “design”, la concezione di arredo secondo ZO_NE: l’intendere le esigenze e le necessità nell’esperienza di abitare uno spazio…

Ma in che modo è mai pensabile trasferire tutto questo in così pochi metri quadrati?

L’arredatrice di interni, Emanuela Merolli, ha pensato di partire proprio dallo spazio. Lo studio, che è anche showroom, richiedeva null’altro che lo stesso identico approccio di quando si deve arredare una casa. Lo spazio comunicava la sua identità che chiedeva di essere riportata in luce e valorizzata. Occupato da una precedente attività commerciale, quando è stato visto per la prima volta, è apparso piuttosto stravolto rispetto alle potenzialità che presenta. Quindi, dopo averlo completamente liberato di ogni sovrastruttura presente, quello che ne veniva fuori era un unica grande stanza con soffitto alto circa 5 metri con ben 4 aperture su strada, anch’esse molto alte. La posizione angolare, sull’incrocio di due strade, ed il prospetto in un bel palazzo di epoca razionalista ne completa le caratteristiche.

Per logica conseguenza, Emanuela, ha ritenuto di sottolineare questi aspetti come valori fondamentali del progetto, tenendo presente che in ogni caso, necessitavano sia di una certa visibilità dall’esterno, sia di una distribuzione interna per esporre in modo fluido articoli diversi tra loro ed avere uno spazio operativo.

zo_ne via delle zoccolette roma

L’obiettivo era non rubare neppure un centimetro della luce che offrivano le aperture presenti. Ciascuna di larghezza diversa, ha ispirato l’arredatrice nell’idea di sottolineare questa asimmetria colorandone le cornici ognuna in colori diversi, scegliendo tonalità a seconda della grandezza e della sequenza: più neutra per la più larga in color “caki”, scura ed incisiva per quella d’accesso in color antracite, decisa e vivace a seguire con l’arancio, marcata e decisamente a se stante per la più corta ed unica girato l’angolo, in turchese. Il tutto disponendo di cornici piuttosto profonde a riquadro di vetrate uniche che proseguono identiche all’interno come se dovessero attraversare le mura perimetrali di forte spessore, dall’esterno all’interno attraverso geometria e colore.

Come dare ritmo a questo contenitore unico che doveva assolvere a diverse esigenze?

Se due lati di questo parallelepipedo erano già interrotti dalle vetrine, restavano una parete lunga 15 metri e quella longitudinale di circa 4,5 metri, lisce e a tutta altezza. Scartata l’idea di usarle come semplici appoggi per eventuali mobili che si sarebbero disposti come una monotona sequenza, è stato preferito concepire delle aree centrali installandoci due cubi di altezze non superiori ai 2,5 metri al cui interno, esporre gli elementi di design.

zo_ne interni design

Il primo “cubo”, è in realtà anche un soppalco che consente, al di sopra, di riservare la zona operativa, e che sotto, ospita una zona salotto direttamente rivolta all’ingresso. E’ concepita per presentare il prodotto, ma anche per fornire un diretto punto di accoglienza per il cliente. È stato progettato come una riproduzione ingigantita di un tavolo schematico ed essenziale, rievocando la sensazione calda del materiale naturale, attraverso il rivestimento totale di agglomerato ligneo detto OBS. Il secondo “cubo” invece, è centrato al di la della vetrina più grande ed è costituito da un sottile profilato di metallo verniciato rosso, una sorta di “ring” al cui interno fa contrasto attualmente un’ampio tavolo tondo, in uso anche come facile punto di appoggio e consultazione per materiali e cataloghi, come un’immaginario “ufficio trasparente”, come a seguire il concetto di uno spazio, quello dello showroom (visitabile anche su Google Street View grazie al servizio fotografico di www.fotografo360tour.it) che non sia solo bella mostra di pezzi, ma spazio interattivo, suggestivo ed evocativo, da vivere direttamente per scambiarsi informazioni immaginare soluzioni.

zo_ne cubo design

Se siete interessati a ricevere aggiornamenti sui nuovi progetti ed idee dello studio ZO_NE vi invitiamo a seguire la sezione News del sito e la pagina Facebook.